Studio Olistico  Salute e Benessere

Reply

“LA GOMMA DA MASTICARE AIUTA A DIMAGRIRE”, La gomma da masticare aiuta a dimagrire?? E da quando ?

« Older   Newer »
view post Posted on 11/11/2009, 19:46 Quote

Ventura Renato

Group:
Administrator
Posts:
999

Status:


Oggi 11/11/2009,

sfogliando una rivista rinomata, mi sono imbattuto in un articolo a dir poco sconvolgente:
“LA GOMMA DA MASTICARE AIUTA A DIMAGRIRE” . La gomma da masticare aiuta a dimagrire??
E da quando ?

Questo è il testo del’articolo:

“Usare la gomma da masticare senza zucchero aiuta a perdere peso in modo sano e controllato. Lo rileva una ricerca condotta dagli esperti dell’università Americana di Rhode Island e presentata a Washington al congresso della società Americana per la lotta contro l’obesità. I ricercatori hanno analizzato le abitudini alimentari e il consumo di energia di un gruppo di venti persone chiedendo loro in alcuni giorni di usare gomma da masticare e in altri rinunciarvi del tutto. In questo modo gli scienziati hanno scoperto che, iniziando sin dal mattina a masticare cicca, le abitudini cambiano: si ha meno appetito e non si sente il bisogno di consumare piccole merendine o di fare spuntini fuori orario. Inoltre, il consumo di energia aumenta del cinque per cento. Così, in media, già durante la mattinata,si guadagnano sessantadue calorie rispetto al solito. Durante il pranzo, poi, si ha meno appetito perciò si mangia poco o si scelgono cibi più legger, risparmiando altre sessantotto calorie, non è tutto: la gomma da masticare riduce anche la voglia di cibi dolci e così anche le merendine del pomeriggio sono più sane perché meno caloriche. Gli studiosi concludono avvertendo che questo piccolo aiuto dalle gomme da masticare non vale proprio per tutti: una piccola percentuale dei pazienti, infatti, sembra immune al loro effetto.”

Mi chiedo: i giornalisti prima di pubblicare certi articoli non assumono informazioni corrette? E quando impareranno a riportare ai lettori informazioni degne di essere chiamate tali?

Cerchiamo di capire il funzionamento dell’apparato digerente e i danni che possono derivare dalle gomme da masticare.
Nel momento in cui comincia la fase della masticazione, si attivano le ghiandole salivari che attivano la prima fase della digestione; il nostro apparato digerente si prepara, a questo punto, alla fase digestiva vera e propria, le ghiandole gastriche secernono i succhi gastrici, liquidi molto acidi, contenenti enzimi e acido cloridrico che trasformano chimicamente gli alimenti in sostanze assimilabili dall’organismo.

L’ACIDO CLORIDRICO attiva la pepsina che facilita la digestione delle proteine alimentari. Queste ultime, così separate si scompongono in amminoacidi che sono sostanze più semplici.
Nel caso di masticazione a vuoto, non trovando cibo da elaborare, l’apparato digerente aumenta la produzione acida ed enzimatica, mentre diminuisce la quantità di fattori protettivi che rivestono lo stomaco. Il succo gastrico agisce così in modo aggressivo sulla mucosa che riveste lo stomaco producendo prima una infiammazione della parete gastrica e quindi la sua erosione, quanto poi masticando a vuoto si tende a deglutire aria con conseguenti gonfiori addominali.

Quello che contengono le gomme da masticare

Per vostra corretta conoscenza, vi riporto gli ingredienti di una gomma da masticare di una casa molto conosciuta e i pericoli dei suoi componenti.

Sucralosio: è un dolcificante artificiale noto col nome commerciale di Splenda negli Stati Uniti. Nell'Unione Europea è conosciuto anche col nome di E955; sul consumo di sucralosio dubbi sono stati sollevati a proposito di presunti effetti sul timo, una ghiandola molto importante per il sistema immunitario. Una relazione del NICNAS cita due studi sui ratti, entrambi i quali rilevano "una significativa diminuzione del peso del timo" a certe dosi.

Aspartame: appartiene alla classe dei dolcificanti artificiali e causa danni "lenti e silenziosi" in tutte quelle persone che sono cosi“ sfortunate da non avere reazioni immediate e che non hanno quindi un motivo per evitarlo. Potrebbero volerci uno, cinque, dieci, quarant'anni, ma alla lunga si manifesteranno gravi problemi (alcuni reversibili e altri no) per tutte quelle persone che ne fanno uso abituale. Fibromialgia, artrite, sensibilizzazione verso molti agenti chimici, diabete e complicazioni diabetiche, sindrome da affaticamento cronico, problemi di concentrazione, depressione e altri problemi psicologici

D-mannitolo o mannite: e` un alcool polivalente che si presenta allo stato puro sotto forma di cristalli incolori, solubili in acqua. Le soluzioni di d-mannitolo agiscono nell`organismo aumentando l’osmolarità dei liquidi extra-cellulari e provocando uno spostamento dell`acqua al di fuori delle cellule. Una delle prerogative del d-mannitolo infatti e` quella di non essere metabolizzato nell`organismo e di essere invece eliminato esclusivamente per filtrazione glomerulare L`infusione di mannitolo e` stata associata con nausea, vomito, mal di testa,vertigine, tachicardia, dolore retrosternale, iponatriemia, disturbi visivi ed orticaria.

Xilitolo: in Europa è usato come additivo alimentare, in particolare nei chewing gum, ed è identificato dal numero E967. Può avere effetti lassativi.

Sorbitolo: è presente nelle alghe rosse e in molte bacche e frutti come mele, pere, susine, ciliegie e sorbe da cui prende il nome; è molto utilizzato nell'industria alimentare come dolcificante, stabilizzante e agente lievitante con il nome E420. La sua assunzione ha solitamente effetti collaterali, in soggetti intolleranti può provocare gas intestinali, gonfiori addominali, crampi e diarrea. Il suo uso è, comunque, sconsigliato nei bambini inferiori ad 1 anno di vita.

Antiossidante con sigla E 320: si riferisce al butilidrossianisolo e può portare a complicazioni renali,cancerogene e a intolleranze da metalli.

Lecitina di soia: può comportare problematiche come emicranie, diarree, dermatiti.

Coloranti E171 (biossido di titanio): può comportare problematiche come nausea (sensazione di malessere), vomito, stanchezza, stipsi, cefalea, perdita di appetito o di peso,diarrea, sonnolenza, febbre, esantema, debolezza, dolore, vertigini, respiro corto, disturbi di stomaco.

Aromi: quando si parla semplicemente di aromi, senza l’aggiunta della voce naturali, ci si riferisce agli aromi artificiali. Il consumo di questi componenti può portare a problemi tipo intolleranze alimentari, rinite od orticaria, a decalcificazione e un maggiore rischio di fratture, cambiamenti d'umore, letargia e mal di testa, malattie cancerogene.

Fenilalanina: è coinvolta nella sintesi della dopamina e dell'adrenalina che permettono la trasmissione degli impulsi nervosi. Sopprime l'appetito, può causare impotenza e provocare riduzione della capacità di memoria.

Ritornando al testo dell’articolo, hanno preso in considerazione un campione di venti persone, completamente al di fuori della nostra tipologia alimentare. Sappiamo bene che gli Americani si nutrono prevalentemente di fast food, mangiano grassi, il life style è di cattiva qualità, basti pensare alle frequenti geopatie, alla vita quotidiana condotta sempre di corsa senza la possibilità di fermarsi per pranzare, non per niente hanno un’incidenza di mortalità da infarti molto alta e un elevato tasso di obesità.

Attenzione, questo è il rischio che stiamo correndo anche nel nostro Paese in cui si sta perdendo il gusto del mangiar bene, della dieta mediterranea e della buona qualità di vita.
Se vogliamo, TUTTI INDIFFERENTEMENTE, star meglio basta cominciare a seguire un’ alimentazione sana e corretta.
Alle venti persone scelte come campione, se invece di proporre la masticazione di un chewing gum avessero proposto di seguire un programma fatto da alimentazione sana e miglioramento del life style, senza preoccuparsi degli interessi economici dei produttori di gomme da masticare ma preoccupandosi dei “campioni” in quanto PERSONE, sicuramente avrebbero svolto una ricerca migliore e degna della parola ormai usata e abusata come MEDICINA.

E, almeno noi italiani, cerchiamo di non seguire queste cattive informazioni senza alcun riscontro certo sui presunti benefici di una gomma da masticare.

Bioterapeuta Fitoterapeuta Iridologo
Renato Ventura

Edited by Centro Benessere Kundalini - 11/3/2012, 17:04
 
PM Email  Top
0 replies since 11/11/2009, 19:46
 
Reply